Please use this identifier to cite or link to this item: http://arl.liuc.it/dspace/handle/2468/6122
Title: La pianificazione che si dovrebbe fare, ma non si fa
Authors: Bubbio, Alberto
Issue Date: 2018
Publisher: Este
Bibliographic citation: Bubbio Alberto (2018), La pianificazione che si dovrebbe fare, ma non si fa. In: Sviluppo & organizzazione, n. 284, novembre/dicembre 2018, p. 40-51. ISSN 0391-7045.
Abstract: L'attuale incertezza e volatilità dell'ambiente esterno potrebbero far pensare che l'attività di pianificazione a livello aziendale non sia più una prassi possibile. Ebbene proprio questo contesto la rende particolarmente utile e costruttiva. Ma la pianificazione che può vantare il mantenimento di una sua efficacia è una pianificazione diversa da quella del passato, fra l'altro etichettata con il termine " strategica" e poi rivelatasi spesso una grande delusione. Così la pianificazione che si dovrebbe fare, ma non si fa, muove dallo scenario planning, che risponde alle esigenze per la formulazione della strategia di una "scenarizzazione", per poi passare a una pianificazione per intenti strategici con due strumenti in sostituzione del "tradizionale" piano: la Carta degli Intenti Strategici (Cis) e la Balanced Scorecard (Bsc). Ma può essere anche utile una pianificazione centrata sulle risorse critiche (tangibili e intangibili): delle competenze necessarie alle risorse finanziarie per dare attuazione a una strategia di crescita sostenibile.
URI: http://arl.liuc.it/dspace/handle/2468/6122
Journal/Book: Sviluppo & organizzazione
ISSN: 0391-7045
Appears in Collections:Contributo in rivista

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
6122.pdf
  Restricted Access
15,47 MBAdobe PDFView/Open Request a copy


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.