Please use this identifier to cite or link to this item: http://arl.liuc.it/dspace/handle/2468/5135
Title: Da Seattle verso il nulla: riflessioni sui giochi anti-globalizzazione
Authors: Helg, Rodolfo
Issue Date: 2000
Publisher: Università Carlo Cattaneo - LIUC
Bibliographic citation: Helg Rodolfo (2000), Da Seattle verso il nulla: riflessioni sui giochi anti-globalizzazione. (Liuc papers, 70). Castellanza: Università Carlo Cattaneo - LIUC. ISSN 1722-4667.
Abstract: Il fallimento della Conferenza Ministeriale dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) tenutasi in dicembre a Seattle è stato interpretato come una vittoria delle componenti della società civile presenti sulla piazza. In realtà il "merito" va attribuito alla ragnatela di interessi contrastanti che le diverse nazioni aderenti all'OMC hanno portato con se all'incontro. Sarebbe però un errore sottostimare il peso politico che oramai hanno assunto le componenti della società civile che esprimono posizioni anti-globalizzazione. L'emotività di molte tematiche e l'uso troppo disinvolto e populista di alcune parole d'ordine generano una forte disinformazione che viene amplificata all'opinione pubblica dal mondo dei media grazie alla sapiente regia coreografica che questi movimenti hanno saputo esprimere. La globalizzazione ha sicuramente bisogno di correttivi, ma in questo momento ha soprattutto bisogno di un buon ufficio di pubbliche relazioni. In questo lavoro dopo aver presentato alcuni fatti stilizzati su globalizzazione, povertà e distribuzione del reddito si affrontano alcune delle tematiche che sono all'ordine del giorno per l'OMC.
The failure of the WTO Ministerial Conference last December in Seattle was due to the unsettled network of conflicting interests of the member countries. What happened in the street of Seattle has not determined the outcome of the meeting. However, it would be a mistake to downplay the political role that the civil society can have on globalisation issues. Many of these topics are highly emotive and certain slogans are misused. This brings about misleading information that is amplified in public opinion by the media thanks to the clever choreography managed by these groups. Globalisation certainly requires corrections, but it needs mainly a good public relations office. In this paper, after having presented some stylised facts on globalisation, world poverty and income distribution looks at some of the current issues on the WTO's agenda.
URI: http://arl.liuc.it/dspace/handle/2468/5135
ISSN: 1722-4667
Appears in Collections:Libro

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
5135.pdf67,01 kBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.