Please use this identifier to cite or link to this item: http://arl.liuc.it/dspace/handle/2468/5104
Title: L'imposta di soggiorno: amnesie legislative ed esigenze di riforma
Authors: Beretta, Giorgio
Issue Date: 2017
Publisher: Università Carlo Cattaneo - LIUC
Bibliographic citation: Beretta Giorgio (2017), L'imposta di soggiorno: amnesie legislative ed esigenze di riforma. (Università Cattaneo working papers, 3). Castellanza: Università Carlo Cattaneo - LIUC. DOI 10.25428/2532-554X/3.
Abstract: Il presente contributo si propone di illustrare la disciplina dell'Imposta di soggiorno, sinora scarsamente studiata. Benché la sua prima istituzione risalga addirittura al 1910, tale tributo è stato introdotto nel nostro ordinamento solo nel 2011, nell'ambito della riforma federalista dello Stato, quale risorsa propria degli enti locali. Diverse criticità emergono all'esame della disciplina, dovute alla lacunosità del dettato normativo nonché alla scarsa coerenza dei regolamenti con i quali i Comuni hanno dato attuazione all'imposta, in mancanza di una regolamentazione unica a livello nazionale. Tra i principali fattori di criticità, vi sono la commisurazione dell'aliquota impositiva alla tipologia della struttura ricettiva in luogo del prezzo dell'alloggio, l'assenza di una disciplina sanzionatoria e, soprattutto, il ruolo del gestore della struttura ricettiva, non riconducibile alle categorie tributarie di sostituto e responsabile d’imposta, bensì alla figura di agente contabile, destinatario di oneri meramente strumentali all'esazione dell'obbligazione tributaria. L'esigenza di una revisione generale del tributo diviene ancor più necessaria, oltre che per le problematicità suddette, anche in ragione dell'avvento di nuove forme di ricettività realizzate direttamente da privati tramite le piattaforme della sharing economy, senza la mediazione di un soggetto professionale.
This paper aims to illustrate the main aspects of the Italian Tourist Tax, which has received little or no attention so far. Although its first institution dates back to 1910, the current tax was introduced under Italian tax law only in 2011, as part of the federalist reform of the State and as a means to provide financial resources for local authorities. Several issues emerge from the examination of its legal system, due to the poor legal drafting and the little consistency of the regulations through which the municipalities have implemented the tax, as a uniform regulation at national level is lacking. Main factors of concern attain to the tax rate, which is based on the classification rather than on the price paid for the accommodation, the absence of any administrative sanction and, above all, the role of the accommodation facility's manager, who does not act as a withholding agent or tax liable person, but as accounting officer, who is only subject to minor obligations relating to the enforcement of the tax. Beside the above-referred problems, an overall review of the tax has become even more compelling, given that new possibilities have now arisen for owners of private dwellings to provide accommodation directly through sharing economy platforms, without the assistance of a professional intermediary.
URI: http://arl.liuc.it/dspace/handle/2468/5104
Appears in Collections:Papers

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
wp3.pdf
  Restricted Access
356,43 kBAdobe PDFView/Open Request a copy


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.